Ambientazione
Geografia

Ai fini del gioco ci interessa la geografia dell'estremo Nord e su quella ci soffermeremo.
Il gioco per ora si sviluppa nei territori che corrono intorno alla Barriera e occasionalmente lo scenario viene aperto sulle coste e a Grande Inverno.

Il Nord è la terra dei Primi Uomini caratterizzati da una religione diversa da quella degli altri regni: quella degli Antichi dei il cui culto è spesso osservabile nei "Parchi degli dei".
Gli Antichi dei sono spiriti della Natura e vengono pregati dinanzi gli Alberi del Cuore, alberi scolpiti con volti sulla corteccia, antichissimi.

Territorio vastissimo, caratterizzato da diversi paesaggi, che si modificano al cambiare delle stagioni.

Il Nord conosce due stagioni, inverno ed estate.
Durano circa sei mesi l'una a parte periodi straordinari in cui possono prolungarsi.
Il clima è rigido buona parte dell'anno, e tocca punte estremamente fredde verso la Barriera e nelle zone centrali, mitigandosi verso sud.

Il Nord si sviluppa tra il confine della Barriera, che separa il mondo conosciuto dalle terre dette "oltre la Barriera", pericolosissime e popolate di Bruti e Estranei e l'incollatura.
E' Toccato dal Mare a Ovest dove l'isola degli Orsi domina e ad Est dove si estende la Baia delle Foche. Dalla Barriera, passando per il dono, a Ovest si sviluppa una regione di aspre montagne dove risorse minerarie non mancano. A est delle Montagne il corso dell'Ultimo Fiume e diverse pianure. Paesaggi variegati ed estremamente suggestivi, con laghi, foreste e tundre desolate che si rincorrono per centinaia di chilometri. Boschi e Foreste dominano in tutto il territorio, alternati a paesaggi di Brughiera e paludi.

La Barriera è la regione più fredda del Nord e in inverno il clima può raggiungere anche - 40°.
Tranne in un paio di mesi dell'estate il suolo si prensta quindi spessp innevato, o coperto di ghiaccio e pochi corsi d'acqua non sono ghiacciati. Qualche corrente calda tuttavia rompe il paesaggio, generando su una superficie calcarea boschi e distese di licheni e sempreverdi.
Mandrie di renne si aggirano fumanti tra i boschi.

I territori oltre la Barriera sono le terre selvagge a Nord della grande muraglia di ghiaccio.
Dalla grande muraglia è visibile la Foresta Stregata, un bosco esteso e dalle chiome fittissime, la cui vegetazione è composta da alberi sentinella e da pini, nonchè da alberi diga che si narra furono piantati dai Figli della Foresta: immensi alberi leggendari ma visibili che attestano la verità delle leggende.

I territori oltre la Barriera sono terre ostili, selvagge e popolate di creature pericolose. Molte leggende circolano su quei territori ed è difficile che si ritorni vivi da essi.
La più inquietante è quella degli Estranei: creature di ghiaccio, spiriti dell'inverno.
Si dice che il loro tocco sia in grado di rianimare i corpi dei morti facendone dei burattini sotto il loro controllo e macchine per uccidere; burattini che pur non possedendo una vera e propria individualità conservano ricordi e capacità di quando erano in vita. Questo genere di creature non morte può essere distrutto solo dal fuoco mentre non si conosce cosa possa uccidere un estraneo. Gli Estranei sono stati visti al Nord durante le guerre. Esistono numerose testimonianze della loro esistenza ma a livello di coscienza popolare questa realtà ha una dimensione di leggenda e suggestione.

Le terre oltre la Barriera sono popolare da Bruti ma offrono anche molte risorse. I ranger e i corpi specializzati possono guidare almeno nella foresta queste spedizion