Civile
Scienza degli Animali


SIMBOLOGIA ANIMALE

Le antiche leggende narrano come l’essenza di ogni essere senziente si rispecchi, nelle capacità, nei talenti, nei pregi così come nei difetti, in uno o più profili animali che saranno per lui guida a sostegno della propria esistenza.

Esse raccontano che per ogni individuo siano nove gli animali ad attendere che esso li riconosca, li chiami a sè e li ascolti, per avere illuminate le nove vie dell’Est, dell’Ovest, del Nord, del Sud, del Basso, dell’Alto, dell’Interno, della Destra e della Sinistra.

Chi possiede questa capacità è in grado di riconoscere gli animali guida di una persona.
Per leggere colui che conosce la simbologia animale, utilizzerà un recipiente nel quale conserva il pelo o la piuma o una parte di ognuno degli animali guida. L'interessato la toccherà estrarrà nove oggetti o nomi, o disegni, usando solo la mano sinistra, così da leggere in ordine i suoi animali guida, da quello dell’Est a quello della Sinistra.

Si presti soprattutto attenzione agli animali che ricorrono spesso nei nostri sogni: è un segnale ed una concessione di grande valore: il loro modo di avvicinarsi a noi e farci visita. Conoscere i propri animali guida è conoscere più in profondità se stessi e non sempre essa è una scoperta piacevole, per questo i nove giorni devono trascorrere a prova della pazienza e della risolutezza della persona nel voler scoprire la propria natura.

Chi conosce la simbologia animale sa interpretare anche l'apparizione degli animali e i significati che essi hanno oltre a saper attribuire gli animali.

Le nove strade che gli animali illuminano simboleggiano le sfaccettature dell’anima del mortale, così come le mille e mille strade che una vita può intraprendere: sta ad ogni coscienza sensibile trovare il riflesso reale della strada dell’Est nell’uno o nell’altro aspetto della propria vita. Su questo le leggende tacciono. Così anche qualsiasi rituale per mettersi in contatto con i propri animali guida: esso è personale e deve essere semplicemente sentito. Non c’è un modo di raggiungere l’essenza di un proprio animale guida che sia uguale in un uomo o in un altro.

La Libellula: “Figlia del vento. Rappresenta il cambiamento e l’illusione.
Le sue ali, difatti, non mancano di ricordarci l’apparente realtà del mondo in cui viviamo.Questo animale ci insegna a non fidarci ciecamente dei nostri sensi, ricordandoci che nulla è veramente come ci appare.
Qualora fosse necessario un importante cambiamento è bene affidarsi al suo volo e richiedere la sua energia.

La Lince: “Conosce e custodisce ciò che è oscuro agli altri animali.Si muove rapida,in perfetta armonia con il silenzio e indifferente al fitto intreccio che tempo e spazio creano.Per questo sarà molto difficile carpirle tutti quegli antichi segreti di cui è guardiana.
Qualora questo felino vi apparisse in sogno è bene che cerchiate un segreto in voi stessi, o nelle persone che vi circondano.
Se qualcuno fosse in possesso della sua straordinaria energia , questo potrebbe sfruttare la sua capacità di veggenza e profonda introspezione per poter vedere la verità in se stesso e negli altri e scoprire gli inganni che ognuno usa quotidianamente.
Per venire in possesso di queste capacità è necessario dare qualcosa in cambio affinchè essa le riveli, come la tradizione insegna.

La Lontra: “Gaia e scherzosa per natura, possiede gli elementi relativi al mondo femmilile: terra e acqua, rappresentandone l’energia.
E’ inoltre il simbolo dell’equilibrio e quindi l’abolizione degli estremi. E’ curiosa e familiare e il suo attacco è la difesa. Questo animale ci libera dall’antica convinzione che donna equivale a gelosia e diffidenza introducendo invece i concetti di gioia e franchezza.
I possessori della sua energia amano l’amore nella più pura delle sue forme, e vivono la propria vita con libero trasporto, lungi da legami materiali.

La Lucertola: “ E’ colei che vede oltre lo spazio e il tempo, affidandosi alla dimensione dei sogni. Per mezzo di essi crea il futuro ed è costantemente a conoscenza dei prossimi avvenimenti,anche sottoforma di profezie. Essa ci insegna che se si sogna una qualsiasi vicenda, rimane a discrezione del sognatore trasformarla in realtà infondendole energia oppure relegarla al mondo onirico.

Il Lupo: “E’, in un certo qual modo, legato agli antichi maestri. Soprattutto in virtù del fatto che egli torna al suo branco dopo un lungo peregrinare portando con se esperienze ed osservazioni che con esso condivide. E’ un animale fedele in quanto esso sceglie una sola compagna per tutta la vita, essendo in grado di raggiungere la forza di questa ululando alla luna. Fondamentalmente è legato al proprio gruppo riuscendo però a conservare la propria indipendenza.
Dal lupo è possibile estrapolare l’energia per insegnare agli altri, per guidarli lungo le tortuose strade della vita in quanto usando la sua forza raggiungiamo il maestro che è in noi.

L’opossum: “E’ la tattica per antonomasia. Egli è in grado di attuare complesse strategie di difesa che qualora risultassero fallimentari , non verrebbero vanificate dall’intelligente atto di fingersi morto al quale aggiunge l’emanazione di un intenso odore di cadavere che disorienta l’avversario.
Difficilmente userà le sue armi, cioè denti e unghie, preferendo ad esse il ragionamento e l’intuizione.
Ed è con esse che riesce a superare una situazione difficile, aggirandola. Per questo il guerriero non può che trarre beneficio dalla forza dell’opossum puntando sulla sorpresa per confondere il proprio nemico.
In questo l’opossum è maestro, insegnandoci inoltre che la vittoria dipende dalla strategia migliore.

L’orso: “E’ il simbolo dell’introspezione.
Egli è solito ritirarsi durante l’inverno, e al caldo della sua grotta rimugina su quanto è accaduto durante l’anno. Medita e assimila i diversi accadimenti. In silenzio alla ricerca delle risposte alle domande che fa a se stesso.
E’ in questo modo che capisce i suoi desideri,per poi rifiorire e rinascere in primavera.
L’orso quindi ci insegna l’importanza di vedere le cose dall’esterno, di sottrarsi per un priodo più o meno breve alla realtà, al turbinio dei nostri pensieri. Ci suggerisce di ascoltare la nostra voce più profonda, e insieme a lei ricercare le nostre soluzioni.
Per raggiungere degli obiettivi è quindi importante far riferimento alla forza di questo animale.

Il pipistrello: “Abitante dell’oscurità che ricorda l’oblio, riposa capovolto come un bimbo nel ventre materno.
Esso è il simbolo della rinascita.
Sognare un pipistrello sta a significare che è arrivato il tempo di sottrarsi ad una situazione o addirittura ad una parte di voi stessi per poter proseguire il vostro cammino.
Ci insegna che a volte è necessario morire simbolicamente per rinascere e continuare a vivere.

Il pollo : “Legato alla spirale sacra di morte e rinascita, forma che ricorda durante la sua danza.
Un individuo capace di meditare può attingere alla sua forza per raggiungere il proprio creatore e per comprendere come ci muoviamo nelle diverse dimensioni della vita, materiale e spirituale.
Il pollo ci insegna quindi a riconsiderare i nostri desideri e la maniera in cui utilizziamo le nostre energie.

Il porcospino: ”E’ simbolo di pace e amicizia.Avendo quest’indole difficilmente attaccherà per primo il suo nemico ma, se ciò dovesse accadere gli basta poco per difendersi.
La forza di questo animale sta nella fede e nella fiducia, che insieme possono rivelarsi fondamentali nelle battaglie della vita.
Questo animale ci insegna la curiosità che è spesso proficua e che ci spinge a scoprire qualcosa di meravigliosamente nuovo e utile.All’individuo che vuole attingere alla sua forza esso regala l’infantile capacità di stupirsi e la fiducia nel piano divino.

Il puma: “Rappresenta la forza che può però essere usata dalle due opposte fazioni esistenti: bene o male.
Si muove silenziosa ed elegante mostrando come le tre componenti fondamentali (corpo, mente e spirito) siano tra loro in perfetta armonia.
Colui che vuole porsi alla guida di un gruppo può far riferimento all’insegnamento di questo animale che ci spinge a tener fede alle nostre convinzioni e a saper gestire l’energia e la forza di cui disponiamo.
Un individuo con l’energia del puma non mostrerà le sue paure ne le sue fragilità ma la sua prontezza e la consapevolezza delle proprie responsabilità, mantenendo un rispettoso distacco dagli altri.

La Puzzola: E’ il simbolo della fiducia in se stessi. Il suo comportamento tranquillo e sicuro ci insegna l’importanza della consapevolezza di se. Sebbene non abbia grande difese incute rispetto alle altre creature in quanto in grado di minacciare il senso dell’olfatto.
Il suo insegnamento è quello di credere nella propria forza e nelle proprie possibilità e coloro i quali invocano l’energia della puzzola attirano altri individui con le stesse caratteristiche mentre invece respingono quelli dissimili. Questo animale ci spinge verso la completezza attraverso ideali di orgoglio e dignità.

Il Ragno: Ci riporta all’infinito,rappresentato dal numero otto come le sue zampe,ricordandoci le sterminate possibilità del creato.
Come il ragno tesse la sua tela,l’uomo intreccia faticosamente la trama e l’ordito della propria vita in un susseguirsi di responsabilità.
Gli individui che non hanno assimilato questo concetto rimangono prigionieri della loro ingannevole realtà sulla quale non hanno nessun controllo.
Il Ragno ci insegna anche a voltarci indietro verso tutto ciò che ha contribuito a rendere tale il nostro presente.

Il Rospo: Il suo elemento è l’acqua intesa anche come forza purificatrice.
Infatti al rospo è attribuita la capacità di evocare la pioggia con il suo canto, per tanto gli individui dotati della sua forza sono spesso abili guaritori.
Inoltre il rospo in sogno preannuncia cambiamenti che l’uomo è portato a fare per ricominciare un suo nuovo ciclo di vita.

Lo Scoiattolo: E’ simbolo di lungimiranza che egli dimostra quando accumula provviste per sentirsi pronto ad ogni evenienza,di velocità in quanto dimostra di essere insuperabile nelle sue manovre e nelle sue finte per disorientare un avversario e di adattabilità in quanto riesce ad adattarsi ad ogni genere di difficoltà. Dobbiamo ritenerci fortunati se lo scoiattolo ci appare in sogno in quanto sentinella di grandi cambiamenti in vista.
Sarà quindi meglio riorganizzare le nostre risorse e liberarci di inutili zavorre.

Il Serpente: Simboleggia l’intero ciclo della vita attraverso il processo di muta della pelle ed è rappresentato dall’elemento fuoco a sua volta simbolo di passione,desiderio e saggezza. A quest’animale vengono attribuiti diversi tipi di forza tra cui quella della creazione,della sessualità,del mutamento,dell’anima e dell’immortalità ma sarà difficile che un individuo entri in possesso della sua energia in quanto deve raggiungere la capacità di essere immune al veleno stesso del serpente.
Se vi appare in sogno significa che è tempo di cambiare se volete realizzarvi.

Il Tacchino: Simbolo di generosità in quanto in natura sacrifica la sua vita per quella degl’altri.
Questo animale ci insegna il valore del gruppo, infatti individui con una simile energia sono difatti dotati di grande altruismo in quanto riescono a condividere con gl’altri ciò che è in loro possesso.
Il tacchino in sogno ci rivela che riceverete presto un dono.

La Tartaruga: Ci riporta alla terra come elemento costitutivo del creato.Nel mondo la tartaruga si difende rintanandosi nel suo guscio, decisamente riconducibile allo scudo delle nostre milizie.
Ella si muove lentamente ricordandoci che la fretta è spesso cattiva consigliera e che a volte si rende necessario lasciar maturare i nostri pensieri alla luce del silenzio come lei stessa lascia maturare le sue uova a quella del Sole.
La lezione che ci impartisce è quella di non sollevarsi troppo dal terreno, perché un’eventuale caduta non sia esageratamente devastante.
Se messa alle strette è però pronta a mordere.

Il Tasso: Difficilmente gli altri animali lo disturbano, ben consapevoli della sua pericolosità in quanto dotato di spiccata aggressività.
Un individuo con la sua energia può sfruttare la propria tenacia per avere la meglio nelle situazioni difficili e di grande precarietà.
Per questo il suo messaggio è quello di utilizzare la propria rabbia facendone una virtù come la forza che consiste anche nel saper mostrare i propri sentimenti senza curarsi delle reazioni altrui e il coraggio in quanto non conosce panico in situazioni pericolose riuscendo a rimanere sempre lucido.

Il Topo: E’ un ottimo osservatore, decisamente il più pignolo tra tutti gli animali.E’ lui ad insegnarci che alcune cose vanno esaminate da molto vicino per poterle comprendere.
Esiste però anche un rovescio della medaglia e cioè la tendenza a complicare anche le cose più semplici perdendo di vista la visione dell’insieme, tipico comportamento degli individui che si affidano all’energia del topo.
Una caratteristica importante del topo è quella di possedere uno spiccato fiuto per il pericolo, decisamente utile in situazioni di facile confusione, dalle quali si trae abilmente in salvo.

La volpe: E’ la regina del mimetismo. Questo scaltro animale è difatti perfettamente in grado di fondersi con l’ambiente adattandosi perfino alle stagioni. D’estate il suo mantello marrone la confonde con i colori del bosco mentre d’inverso il pelo diventa bianco, permettendole di aggirarsi quasi indisturbata tra la neve.
E’ per definizione agile e furba e gli individui che possiedono la sua forza sono in genere attenti osservatori, in grado di passare inosservati, muovendosi silenziosamente ed in perfetta armonia con l’ambiente, qualora la situazione lo richieda.
La volpe ci insegna a capire l’unità delle cose e ad usare questa conoscenza nel più saggio dei modi.

Il Wapiti:E’ un cervo particolarmente robusto,temprato dalle rigide temperature alle quali è abituato a vivere e non ha altri nemici all’infuori dell’uomo e del puma: ai quali tenta di sfuggire con la sola forza di resistenza.
La sua peculiarità è quella di conoscere perfettamente i propri limiti e le proprie capacità il che gli permette di fare un uso ponderato delle proprie forze senza rischiare lo sfinimento.
I possessori della sua forza saranno quindi individui misurati, consapevoli delle proprie capacità, liberi da manie di protagonismo.La sua energia in determinate situazioni può per questo rivelarsi particolarmente utile, per comprendere come gestire le proprie forze senza rischi.

L'alce

Una delle doti più importanti e significative di questo animale è la capacità di rispettare sé stessi e apprezzarsi per quello che si è, sapendo gioire dei propri successi, per quanto piccoli e quotidiani siano, senza tuttavia cercare il consenso o i complimenti da parte degli altri. L’alce simboleggia la consapevolezza del proprio valore e delle proprie capacità e, quindi anche dei propri limiti. Una consapevolezza serena e gioiosa. Ed è proprio il sentimento della gioia, infatti, che meglio caratterizza questo animale.
Le qualità dell’alce sono spesso proprie delle persone più anziane, ed è quindi con piacere che queste incoraggiano e consigliano i più giovani a prendere coscienza delle proprie capacità.

L'antilope

L’antilope rappresenta saggezza e giudizio. E’ l’animale che sa armonizzarsi con i cicli della natura e che li rispetta, anteponendo ad ogni sua azione il fine ultimo del bene della comunità. Agisce guidata dalla verità e proprio per questo non ha paura di esporsi per difenderla. L’antilope rappresenta quindi il coraggio di credere fermamente nelle proprie convinzioni e di portarle avanti con saggezza e dignità, senza ottusità o testardaggine.

L'aquila

L’aquila è il simbolo di una forza d’animo superiore, della capacità di riuscire a vedere il senso più alto di ogni cosa. L’alto volo di questo animale è associato alla capacità di saper vedere le cose nel loro insieme, di percepire l’essenza della vita nella sua complessità e vastità, e di saperla accettare sia nei momenti positivi che in quelli negativi. L’aquila vede oltre e sembra essere l’animale che più fra tutti si avvicina alla sfera divina, per questo la sua forza d’animo è incrollabile e così la sua fiducia nel disegno celeste, che le permette di fronteggiare con fermezza anche le situazioni più difficili e complesse.

L'armadillo

La corazza che difende questo animale, proteggendolo efficacemente da ogni pericolo, simboleggia proprio la sua peculiarità: la capacità di discernimento, di saper valutare ciò che di volta in volta la vita gli riserva. L’armadillo sa difendersi da solo, sa scegliere bene cosa sia giusto fare e cosa non lo sia, e non si lascia scoraggiare facilmente dagli ostacoli. Non commetterebbe mai azioni in cui non crede fermamente e allo stesso tempo non cede con facilità alle pretese altrui, se non le reputa giuste. E’ indipendente e determinato e non si fa mai trovare impreparato.

La balena

Misteriosa e possente, eppure delicata e sensibile, la balena simboleggia i misteri della natura, le forze segrete della terra, che rimangono nascoste agli occhi dei più. La balena, invece, ne è custode e, talvolta, portavoce. Le doti della balena, sono insite in quelle persone dalla sensibilità superiore, capaci di avvertire le forze dell’universo, ma che a volte difficilmente sanno interpretare o sfruttare, se non dopo molto tempo e molta pratica. La balena indaga il significato profondo e nascosto delle cose, riuscendo a toccare le corde più intime e sensibili della psiche umana.

Il bisonte

Il bisonte rappresenta l’abbondanza e la ricchezza delle piccole cose quotidiane, senza artifici, senza sprechi e inutilità. Questo animale, forte e possente, ci insegna che, se impariamo a riconoscere il vero valore di ogni cosa, nonché a rispettarla e ad essere riconoscenti per ogni piccolo dono che ci viene fatto, riusciremo senza dubbio ad accorgerci che la natura non ci fa mancare nulla. Per questo l’avidità, la cupidigia, sono sentimenti non solo malsani, ma inutili e controproducenti. Il bisonte, e le persone che ne rispecchiano le capacità, sanno apprezzare tutti i doni che ricevono e sanno essere grati anche solo per il fatto di aver ricevuto.

Il cane

Affidabilità, lealtà e fedeltà sono le caratteristiche che meglio rappresentano questo animale. La dedizione del cane al suo padrone è totale, e così lo è la dedizione di una persona che ha le caratteristiche di questo animale. Per una causa ritenuta giusta, per una persona speciale, per la propria comunità o famiglia, chi ha il temperamento e la forza del cane non si tirerà mai indietro. Sarà pronto a rischiare anche la vita se necessario, senza timore e senza titubare. Debolezza ed incertezza non rientrano nel carattere di questo animale e di chi ne incarna le doti.

Il castoro

Questo animale simboleggia senza dubbio concretezza e ignegno, nonché senso della collettività e del desiderio del bene per il prossimo. Chi possiede il temperamento del castoro è determinato, sa cosa vuole e sa come ottenerlo, sa applicarsi e sacrificarsi per raggiungere il fine che si è proposto, che difficilmente sarà egoistico o meramente personale, ma sarà molto più probabilmente a servizio di tutta la comunità o della famiglia. E’ operoso e capace di fronteggiare gli imprevisti senza lasciarsi sopraffare dalla tensione ed è abile anche a lasciarsi sempre una strada aperta, una seconda possibilità o una via d’uscita, senza rischiare di precludersi da solo il successo dei suoi propositi.

Il cavallo

Quella del cavallo è una figura piena di significati e simbologie. Animale importantissimo per la comunità può significare non solo la forza fisica e la velocità, ma anche la libertà e la saggezza. Il cavallo sa rispettare e sa farsi rispettare, sa prendersi le sue responsabilità con consapevolezza e spirito di sacrificio e dovere. Sa fare tesoro degli avvenimenti passati ed è perfettamente in grado di analizzare coscientemente i propri errori per imparare a non commetterli più.

Il cervo

Come animale, il cervo simboleggia la capacità di amare incondizionatamente, di saper superare ed accettare i difetti del prossimo. Di saperlo apprezzare per quello che è veramente, senza artifici o edulcorazioni, senza pretendere cambiamento. Questa capacità di accettazione è rivolta non solo al partner ma ad ogni persona cara: i parenti, i compagni, gli amici. La forza della sua dedizione lo rende una persona speciale, sia come amico che come compagno di vita: capace di ascoltare, di farsi carico del dolore altrui e di saperlo alleviare. Sa consigliare e confortare, nel momento del bisogno non mancherà mai. Così come non pretende il cambiamento da parte del prossimo, difficilmente cambierà la propria indole o le proprie credenze.

La civetta

Animale simbolo per eccellenza della magia e della veggenza, la civetta incarna la capacità di vedere anche nel buio più totale e di poter udire anche il più sottile rumore. La sua presenza è impercettibile ed anche in volo non produce il benchè minimo suono. Affascinante e misteriosa, incarna le innate doti magiche delle persone portate alle arti incantatorie o che provano interesse per l’occultismo. Queste persone sono attratte da tutto ciò che è misterioso e apparentemente inspiegabile, inoltre sono molto perspicaci e sensibili, riuscendo ad indovinare molto facilmente non solo le sensazioni e i pensieri di chi si trovano davanti, ma sapendo sempre riconoscere qual'è la verità. Per questo possono incutere timore o soggezioni in chi non è in grado di comprendere le loro capacità.

Il cigno

Questo splendido animale incarna la capacità di accettare il cambiamento, di sottomettersi al destino senza opporsi. Il cigno, inoltre, simboleggia la capacità di non lasciarsi abbagliare dalle apparenze, ma di voler cercare, sempre e comunque, la realtà, la vera essenza delle cose. Le persone che possiedono la forza del cigno, sanno accettare il loro destino, nonché percepire quale sia il disegno divino e ad armonizzarsi con questo. Sono quindi persone intuitive e sempre in armonia con sé stessi e con la natura. Che non si lasciano mai cogliere impreparati dalle vicende della vita.

Il colibrì

La gioia di vivere e la felicità delle piccole cose è ciò che caratterizza innanzi tutto questo animale. Piccolo e delicato, non ha interesse per le vicende della vita, preferisce superarle con un sorriso e voltando pagina. Tutto ciò che avverte come negativo e in disarmonia con la natura, lo impaurisce e lo mette in fuga. Non sa cosa sia bruttezza e cattivo umore, l’armonia e la gioia sono il centro di tutta la sua esistenza. 


Il coniglio

Per antonomasia, il conoglio rappresenta la paura. Teme ogni cosa possa danneggiare lui stesso o la sua comunità, perciò è prudente e guardingo, sospettoso e diffidente. Preferisce stare in compagnia, perché stare solo lo fa sentire vulnerabile e indifeso. Sa essere anche molto dolce e affettuoso, ma solo con chi conosce molto bene e di cui sa di potersi fidare ciecamente. Pondera bene ogni sua scelta e azione, perché non vuole correre rischi, ma se messo alle strette l’istinto di scappare, salvarsi e di togliersi dai guai è quello che predomina.

La cornacchia

La cornacchia rappresenta la volontà di non lasciarsi legare alle ferree leggi della terra e della società. La sua figura è misteriosa e oscura, sembra infatti trascendere anche dalle leggi della fisica e dello spazio tempo. Per questo incarna in sé il mistero primordiale, e si fa emblema della verità ultima ed intangibile. Le persone che incarnano le qualità della cornacchia sono sfuggenti e schive, misteriose, fermamente convinte della loro personale verità, non si faranno né convincere né abbindolare. Rimarranno sempre coerenti e fedeli a ciò che hanno scelto di essere, senza compromessi.



Il corvo

Anche il corvo è una figura emblematica, associata all’occulto e al mistero. Sembra infatti che sia presente ogni qualvolta abbia luogo un rito o una cerimonia magica, in quanto ambasciatore proveniente direttamente dal regno della magia, che reca con sé la chiave stessa di lettura e interpretazione delle arti occulte. Grazie al corvo la magia può raggiungere posti e persone lontane, perché assorbe le energie mistiche, le conserva e le porta a destinazione. Le persone che incarnano le doti del corvo sono predisposte per natura alle arti magiche e, quando ne diventano padroni, riescono a raggiungere con gli incanti anche destinazioni e persone lontane.

Il coyote

Il coyote rappresenta l’incapacità a imparare dai propri errori, finendo ogni volta per ricaderci. Tuttavia, è anche abile a tirarsi fuori dai guai, vivendo giorno per giorno, senza schemi, senza regole, perciò se la sa sempre cavare in qualche modo, e riesce così a tirarsi fuori da tutte le situazioni. Può essere dispettoso e non disdegna il ricorso all’inganno qualora lo ritenesse opportuno per raggiungere i propri scopi, ma visto che è un inguaribile ingenuo, è facile anche ingannarlo.

Il delfino

Il delfino simboleggia la capacità di mediazione. Questa capacità non resta relegata unicamente alle relazioni tra uomini, ma le può trascendere, consentendo alla persona che ha le capacità del delfino, di farsi tramite anche tra uomo e divino. Inoltre queste persone possiedono spesso anche la capacità di adattarsi e armonizzarsi nelle situazioni, anche in quelle più nuove ed impreviste.

La donnola

La donnola rappresenta la capacità di saper vedere oltre le apparenze e di smascherare ogni finzione. Sta inoltre ad indicare anche l’abilità del saper interpretare gli eventi imminenti dai piccoli segnali che lo precedono.
Tuttavia le persone con le caratteristiche della donnola difficilmente si aprono e si mettono al servizio dell’altro. Preferiscono rimanersene in disparte, essere lasciate in pace e da sole, perché molto spesso non si sentono comprese fino infondo. Relazionarsi con loro non è facile e per conquistare la loro fiducia ci vuole volontà, pazienza e dedizione.

Il falco

Il falco è il messaggero divino per eccellenza. Intermediario tra umano e ultraterreno, è il portavoce del disegno celeste. Le persone che incarnano le sue doti sono generalmente osservatori molto acuti e attenti, dalla memoria fotografica molto sviluppata e precisa. Non si lasciano sfuggire il minimo dettaglio e sono perfettamente in grado di gestire e controllare ogni situazione, anche la più difficile. Sono inoltre in grado di notare e interpretare i segni che provengono dalla sfera divina.

La farfalla

Come animale la farfalla simboleggia il processo di trasformazione che le consente di raggiungere un ordine superiore delle cose. Le persone che incarnano le sue doti sanno come migliorare la propria vita, come adattarla alle circostanze nuove, a rigenerarsi continuamente. Sanno raggiungere quello che si sono prefissati e sanno portare avanti i progetti, anche quelli difficili. Magari lentamente, magari un passo per volta, ma pian piano riusciranno a dare forma e sostanza alle loro idee.

La formica

Piccola e tenace, la formica simboleggia varie doti. La forza, la resistenza, la precisione, la laboriosità, ma anche l’aggressività nel sapersi difendere a dovere, qualora ne abbia bisogno.
La formica rappresenta anche il sacrificio dell’interesse del singolo all’interesse della comunità intera. Il suo senso sociale e di collettività è molto spiccato, così come lo spirito di sacrificio e dedizione. Questo perché le persone che incarnano le doti della formica sono assolutamente fiduciose del fatto che ogni singolo sforzo porterà, prima o poi, i suoi frutti, quindi ogni cosa vale la pena di essere tentata, di essere portata avanti con dedizione e pazienza.